Terra di Nettuno offre un’aiuola di pace alla città

70291_100002256263489_2392949_n.jpg

In occasione della Giornata Nazionale del Guerriglia Gardening, il gruppo bolognese Terra di Nettuno renderà splendida un’aiuola del centro storico di Bologna.
Di seguito il comunicato stampa integrale.

Bologna 4 novembre 2012 – Terra di Nettuno è un gruppo aperto ed eterogeneo di persone abitanti a Bologna mossi da due semplici bisogni: resistenza al degrado e diritto al verde. Ci prendiamo a cuore lo spazio pubblico per evitare che la terra di tutti si trasformi in terra di nessuno, il giardinaggio libero è una pratica condivisa di presidio del verde residuale che non trova limiti nei perimetri urbani.

Aderiamo alla rete internazionale del Guerriglia Gardening che collega i 5 continenti, dalle metropoli ai paesi. In tantissime città del mondo esistono incursioni non autorizzate nelle aree prive di verde urbano. Pionieri furono gli attivisti newyorkesi delle community garden che nella prima metà degli anni Settanta si diedero il nome di Green Guerillas.

Da 40 anni il guerrilla gardening è un movimento spontaneo e pacifico che conta su l’autofinanziamento e la partecipazione della gente comune, non sulle sponsorizzazioni.

In Italia sono attivi diversi gruppi nelle principali città, con diverse forme di coordinamento. Terra di Nettuno, nato da poco più di un anno, ha all’attivo ben 12 attacchi dislocati in varie aree di Bologna (vedi allegato: le nostre azioni).

Ci siamo incontrati sulla rete, comunichiamo con il telefono, con la posta elettronica, con il blog e con Facebook: tramite questi strumenti convochiamo le assemblee dove prendiamo le decisioni e, quando la stagione lo consente, gli spazi aperti della città sono i nostri uffici.

Pensiamo che la partecipazione attiva a momenti di condivisione collettiva possa creare rapporti più umani. L‘energia sprigionata dall’incontro di persone differenti può tradursi in azioni concrete e positive.
Gli spazi pubblici, anche quelli più dimenticati, appartengono alla comunità bolognese: la città è di chi vive, lavora, studia, ama Bologna.

La nostra guerriglia gardening è un dono alla comunità. Preferiamo realizzare i nostri attacchi di giorno perché ci piace l’idea che gli abitanti e i passanti ci vedano in azione: c’è chi si complimenta, chi si unisce, chi si offre per prendersi cura delle piante, chi fa una donazione per la causa e chi ci porta la merenda. Non mancano gli scettici che sostengono l’inutilità del nostro lavoro, ma proprio a loro vogliamo dimostrare che può costruirsi una città più verde, e più vivibile zolla dopo zolla.

Il 4 novembre 1918 per l‘Italia terminò il primo conflitto mondiale: una guerra brutta e sporca come solo la guerra può essere.

Il 4 novembre 2012 si celebra la Giornata Nazionale del Guerriglia Gardening: una giornata di festa libera dalla retorica e restituita a tutti.

Terra di Nettuno ha scelto questa data per realizzare un piccolo gesto d’amore che progettiamo da mesi. Una bella aiuola adatta alle stagioni, allegra e colorata è il nostro regalo di pace offerto al centro storico di Bologna.

L’appuntamento è il 4 novembre 2012 alle 14.30 in Piazza di Porta San Donato, di fronte alla Facoltà di Matematica.

 

Contatti:

terradinettuno.blogspot.com

facebook.com/terra di Nettuno

terra-di-nettuno@googlegroups.com

 

Chi parla di noi:

Massimo Acanfora – Coltiviamo la città –Ponte alle Grazie Altraeconomia edizioni.

Roberta Bartoletti: “Pratiche di consumo e civic engagement: il consumo impegnato di natura in città” – in pubblicazione

http://bologna.repubblica.it/cronaca/2011/10/10/news/guerriglia_gardening_in_citt_nelle_aiuole_a_seminar_tulipani-23007365/

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/12/10/bologna-milano-guerriglieri-verde-piantiamo-alberi-senza-chiedere-autorizzazioni/176726/

Ci hanno dedicato una favola: la notte delle fate

http://orto47.wordpress.com/tag/terra-di-nettuno/

 

 

 

In allegato il resoconto delle nostre azioni e i video disponibili in rete.

Una risposta a “Terra di Nettuno offre un’aiuola di pace alla città”

  1. Paride Casadei

    Bravi, stop.

    Rispondi

Lascia un commento