Patate dal sud del mondo

patate

E’ con grande onore che presentiamo 2 esemplari di patata di rara bontà e bellezza:
Patata della Sila e patata viola, l’una accanto all’altra nel nostro Orto47.

La prima (a sx nella foto) proviene dalla mie amate vette della Sila. Si tratta di un prodotto IGP la cui coltivazione e vendita è attività tipica (e importante) per il sistema economico della Calabria.
La caratteristica organolettica principale della “Patata della Sila” è quella di possedere una percentuale di amido superiore alla media. Ciò rende il tubero calabrese più nutriente e soprattutto più saporito delle altre patate italiane. (Wiki)
Ottime le patate ‘mpacchiuse alla cosentina!

La patata viola (a dx nella foto) in realtà si chiama vitelotte, anche detta “Patata Nera”, “Donna Nera”, è stata letteralmente scovata da Valentina tra i banchi del suo fruttivendolo di fiducia. Ha origini antichissime e proviene dal Perù. Non è uno scherzo, ha davvero la buccia e la polpa viola ed è ricchissima di antiossidanti quindi dovrebbe contribuire a ridurre l’invecchiamento e combattere i radicali liberi. Abbiamo trovato un post interessante che ne parla sul sito www.gustorante.it.

Oltre all’orgoglio tutto campanilistico ed al guizzo chic dato dall’esotico, la vera riflessione è che la pianta della patata è bellissima, sana e rigogliosa.
Serena ne sta crescendo una in casa, dice che le piace la funzione ornamentale. Se poi potrà mangiare anche le patate vedremo, non so se sperarlo sinceramente ;)

Istruzioni per l’uso: Per avere una pianta di patata è semplicissimo. Basta prendere un tubero che abbia germogliato, dividerlo in pezzi ciascuno con 1 germoglio e interrarli a circa 10 cm di profondità con il germoglio in giù che diventerà la radice.
Il periodo corretto per piantare in terra è marzo/aprile. Ma invitiamo tutti a fare la prova in vaso … anche adesso …. Non si sa mai ;)


Buona patata a tutti!!

5 risposte a “Patate dal sud del mondo”

  1. Veronica

    Ho giusto giusto un tubero germogliato che pianto immediatamente cosi il mio orticino romano si arricchisce un po! Grazie per le dritte!!!

    Rispondi
  2. lina

    accidenti ragazze se siete avanti! Pensavo che la patata viola la conoscesse solo Vissani. Potete darmi una dritta su dove trovarla? devo piantarla assolutamente: oltre ad essere estremamente decorativa nel piatto, la patata viola ha anche un gusto particolarissimo che ricorda la castagna. Ottima.

    Rispondi
  3. giusyaloe

    Vero ciao. Roma è molto avanti sul discorso orti, per domenica è previsto anche questo evento http://www.ortidipace.org/?p=1925
    non male ;)

    mandaci le foto del tuo orto romano. siamo curiose!!

    Rispondi
  4. giusyaloe

    Lina cara, le nostre patate del Perù sono state acquistate e Cosenza … pensa te … se le vediamo in giro ti facciamo sapere dove. dovremmo fare insieme un giretto al mkt delle erbe. un bacio

    Rispondi
  5. Raccolta delle patate « Orto urbano a Bologna

    […] Sila”, per la “Donna nera” è ancora presto. Se non sapete di cosa parlo leggete qui. WP_SLIDESHOW_IMAGES = { load: […]

    Rispondi

Lascia un commento