Coltivare Rapporti

img_10581

14 ottobre 2011

Questa è la mia storia personale, descriverò uno spicchietto di vita che somiglia ad una favola o meglio al soggetto di una commedia brillante americana alla Billy Wilder dove si procede per gag e coincidenze, buon umore e  battute da happy end come la mitica “Nessuno è perfetto” di “A qualcuno piace caldo”.

Ingresso Area Ortiva Ospedale Maggiore

Ti piacciono le verdure, ne mangi quintali ma non hai mai preso in mano una zappa. Poi succede per gioco che chiedi ed ottieni un orto pubblico, piccolo eh…3×10 mq…ma ENORME!
Cotta dalla fatica scatti foto e apri un blog, così ti capita di essere intervistata da un programma radiofonico che parla di cose buone e sane (Decanter). Seguito a sua volta da persone che amano questo tipo di cose. Le quali (persone) si prendono bene e richiedono al Comune un orto e ottengono proprio quello di fianco al tuo. Con tutti gli orti che ci sono in città! Andrea e Elisa, che conosco perché facciamo yoga insieme ogni venerdì da 2 anni.

Per non dire che Gianluca, il mio insegnante di yoga che ha anche lui un orto, è stato uno dei primi a leggere il blog.

Oppure succede che tra 2 amiche nasca una grande e profonda conoscenza e consapevolezza reciproca solo zappando e sperando che il germoglio resista al trasloco dal balcone all’orto.

Potrei continuare ancora per molto. Solo l’ultima. Domenica scorsa io e Serena abbiamo partecipato al nostro primo attacco di guerrilla gardening con il gruppo  bolognese Terra di Nettuno.

International tulip Guerrilla Gardening 9/10/11

A parte il wording problematico a dir poco dato che aborro la guerra in tutte le sue forme e quindi provo imbarazzo a parlarne con tale dimestichezza ed entusiasmo, la giornata è stata stupenda e adesso passeggiare per la città fa un’altra impressione. Giuro. Forse durerà solo poche ore ma la sensazione di orgoglio che si prova è forte.
Siamo stati anche pubblicati su repubblica.it dalla mitica Giorgia Olivieri qui l’articolo.

Bene dicevamo… che potrebbe anche succederti che ti ritrovi ad essere felice di zappare un’aiuola pubblica che fete di cacca di cane, e scoprire che Massimo per la prima volta come te lì, ha letto il tuo blog.


E poi sei lì con ragazzi che hanno la maglietta di Emergency perché sono attivisti, e tu sei abbonato ad E il mensile di Emergency che il mese scorso ha dedicato l’articolo centrale a Campi Aperti che è l’oggetto della tesi di Rachele di Trame Urbane che sta organizzando Coltivare RappORTI ed ha invitato Orto47 ed altri ortisti di tutta Italia a questi 3 giorni di workshop sul tema degli Orti e dei Rapporti.

Programma di Coltivare RappOrti dal 20 al 23 ottobre

E’ proprio questa signori e signori la più grande scoperta!
Orti e Rapporti … geniale ed al contempo vero.
Le ovvie verità sono gioiosamente semplici.

Orti e Rapporti per me e Serena rappresentano un unico cammino fatto di scoperte che spero non finiscano mai. I rapporti personali e sociali hanno uno stretto legame con la terra che vale la pena di indagare e capire.
Un rapporto sul quale si deve investire!

E in tutto questo l’Orto47? Dopo l’attacco, Massimo che aveva letto questo blog ed ha zappato le 2 aiuole, eroico ha deciso di fare la conoscenza del nostro orto e della nostra zappa. E’ stato a quel punto che ho preso il coraggio a 4 mani ed ho trapiantato i minuscoli porri che mi tenevano compagnia sul balcone di casa.

Quindi signori e signori era doveroso confessare che l’Orto47 sta attraversando un periodo di crisi d’identità tra pomodori che ancora vengono su e mancanza di un piano autunno-inverno.
Ma…i rapporti stanno spuntando, mettendo radici, maturando, fiorendo…

2 risposte a “Coltivare Rapporti”

  1. massimo

    la bellezza nell’incontrare persone con idee, ideali, sogni ed energia è impagabile. Val bene un colpo di vanga! A presto.

    Rispondi
  2. Anonimo

    GIUSY SEI GRANDE

    Rispondi

Lascia un commento